polaroiders

il network degli artisti instant italiani

Salve , volevo qualche suggerimento riguardo una pola 250.
I problemi che riscontro sono i seguenti :

1) messa a fuoco , supponiamo di avere un soggetto primario di fronte a un albero ed altre persone sullo sfondo della foto , non riesco a metter bene a fuoco sia il soggetto primario che quello sullo sfondo.

2)la macchina sulle levette per la messa a fuoco ha 3 macro guide una per i primi piani (rappresentato da una persona ), uno per le foto un po più ampie (rappresentato da due persone) ed uno per i panorami , quasi tutte le messe a fuoco mi vengono bene solo con questa terza opzione insomma se sposto le levette tutte a sinistra .

Detto questo potreste spiegarmi come fare delle perfette messe a fuoco ? Così da avere belle foto ?

Secondo problema : la luce

Non riesco a regolarmi bene con la luce , ovvero o mi vengono molte scure anche in caso di luce (esempio se guardate la foto con l'auto che ho appena caricato sembra notte , in realtà' erano le 5 di pomeriggio) per carità quella foto mi piace molto per via che la macchina si fonde col panorama , ed il cielo ha dei colori bellissimi , però l'idea era di fare vedere l'intera auto e la faccia del pilota.

Oppure mi vengono in parte luminose ed in parte scure , vedi la fato con la ragazza stesa in terra.

Nel primo caso avevo posto quella linietta sotto l'ottica una tacca indietro rispetto il mezzo verso il dark nel secondo caso era perfettamente nel mezzo tra luce e scuro.

Ovviamente lo scopo finale sarebbe di fare foto belle come le vostre , trovare soggetti idonei , particolari però prima devo capire bene la macchina .

Devo dire che è' molto più difficile da gestire rispetto ad una sx-70.
Spero mi potiate aiutare grazie mille

Visualizzazioni: 25

Rispondi

Risposte a questa discussione

ciao

La 250 è provvista di un mirino Zeiss con cornicette per l'inquadratura e un telemetro a sdoppiamento d'immagine.

Quando guardi dentro il mirino tu vedrai al centro un quadratino giallo chiaro che, muovendo il soffietto tramite le due levette di messa a fuoco (quelle sopra le quali trovi i tre simboli per la messa a fuoco), ti mostrerà l'immagine scomposta.

Punta un soggetto e muovi queste levette fino a vedere l'immagine  collimare.

Ora avrai raggiunto la messa a fuoco. 

I simboli sulle levette servono per la messa a fuoco "a stima" che poteva essere utilizzata senza inquadrare usando le pellicole di sensibilità elevata, cioè le bianco e nero a 3000 ISO.

Pertanto dimenticale e usa il fantastico telemetro della fotocamera

Usando le pellicole a colori Fuji FP-100 (100 ISO) potrai ottenere la probabile e contemporanea messa a fuoco di soggetto in primo piano e sfondo solo in esterni e con forte luminosità, situazione che consente al diaframma fisso  e piuttosto chiuso della fotocamera di garantirti una estesa profondità di campo. Naturalmente con la levetta dovrai selezionare la finestrella "bright sun only".

Più il punto di messa a fuoco è distante, maggiore è la possibilità di avere tutti gli elementi dell'immagine a fuoco. E' la ragione per cui usando il simbolo panorama ottenevi una buona immagine a fuoco.

Ma se inquadri un soggetto a 110 cm (che è la distanza minima di messa a fuoco raggiunta dalla fotocamera) non ti aspettare di avere uno sfondo a 3-4-5 mt altrettanto perfetto.

Molti lotti di produzione di "Land Camera" hanno la tendenza a sottoesporre, cioè a scurire le immagini.

Questo piccolo inconveniente è ovviabile  incollando semplicemente  "sull'occhio elettronico" della fotocamera, posizionato a lato dell'obiettivo, un pezzetto di filtro ND (neutral density) in gelatina che puoi trovare fra gli accessori dello Shop Impossible Maranello". Il filtro originale serve per poter utilizzare le pellicole INTEGRALI della serie 600 (640 iso) con la polaroid sx-70 che usa invece pellicole da 100-125 iso. Il foglietto, da sistemare sulla cartuccia prima dell'inserimento nella fotocamera, riduce di 2 diaframmi la luce che colpisce la pellicola.

Naturalmente questa operazione non si può fare con le pellicole a strappo utilizzate dalla 250.

Allo stesso modo il filtro posizionato sull'esposimetro della 250 riduce la luce che lo colpisce allungando i tempi di esposizione e garantendoti una immagine esposta correttamente. Se non vuoi usare il filtro sovraesponi l'immagine spostando tranquillamente la rotellina di 2-3 tacche o anche di tutte. 

Nel caso però dell' immagine dell'auto il tuo esposimetro è stato influenzato dalla forte luminosità del cielo che ha provocato un oscuramento eccessivo dell'immagine vista come un controluce. In questo caso avresti dovuto schiarire l'immagine per ottenere la leggibilità dell'automobile.

Un ripassino alle regole base di tecnica fotografica non guasterebbe comunque ;)

Grazie mille , sei stato esauriente e chiaro ,hai ragione la cosa ideale sarebbe un ripasso delle tecniche di base visto che sono almeno vent'anni che non faccio una foto con la polaroid .
Però la voglia di usarla era troppo forte e non sono riuscito a resistere.
Grazie di cuore

Rispondi alla discussione

RSS

CALL FOR ARTIST

Libri

CONVENZIONI

LA FOTO DEL MESE SU:

VIDEO TUTORIAL

Contatti:

Fondato nel 2010

e diretto da:

Alan Marcheselli

Carmen Palermo

  

Selezione foto settimana:

Lucia Semprebon

 

Referenti Italia:

MO-BO: Alan Marcheselli

VA: Carmen Palermo

CO: GIacono Inches

BG: Franco Mammana (Kite)

RM: Menico Snider (Sniki)

TN: Lucia Semprebon

 

Referenti Estero:

UK: Antonio Curcetti

CH: Giacomo Inches

 

 

Traduzioni:

ENG: Cristina Altieri

 

Webmaster:

Christian Ghisellini

 

Contatti:

polaroiders@gmail.com

info.polaroiders@gmail.com

© 2017   Creato da polaroiders.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio

free counters