polaroiders

il network degli artisti instant italiani

Critica Agosto 2011

La mia Venezia © Pierre Pellegrini

 

 

Pierre Pellegrini si manifesta come fotografo, fotografo-lirico.
Le sue immagini catturano perché descrivono una realtà che diviene metarealtà, per la solitudine, per le luci, le zone d'ombra per i silenzi profondi, silenzi in cui lascia cadere lo spettatore.
Pierre non ha sottoposto le sue foto ad una lettura circolare che tuttavia i suoi scatti suggeriscono. Non si possono trascurare le poche parole che Pellegrini pone a commento dei suoi fotogrammi perché la sua produzione va letta coniugando immagine e testo. Entrambi sono semplici, netti e, proprio per questo, molto significativi.
Ciò che conta è l'idea, il progetto che si ha in mente quando si usa lo strumento fotografico e a me sembra, che Pierre con dedizione e attenzione segua il parlar muto della natura. Di quest'ultima indaga stagioni, il nascere e il morire del giorno. L'idea progettuale di Pierre è volta a riflettere, a far riflettere sulla relazione uomo-natura anche se, rara, appare la presenza umana.
"La mia Venezia" l'immagine selezionata parla senza parlare, dialoga perché due sono le seggiole anche se, come dicevo, le figure "umane" non sono visibili. Ecco l'elemento chiave è il dialogo continuo, sommesso con
l'"invisibile".
Straordinario è il gioco di luci e di riflessi che il Pellegrini riesce a rendere in molteplici suoi scatti. Qui primariamente il dialogo è tra i colori, fondamentalmente due, il nero e l'azzurro, uniti ad una leggerissima parvenza di arancio-rosa testimonianza del sole nel calar dell'orizzonte.
Come un "focus", come  luce su un palcoscenico, tutto buio d'intorno e obiettivo centrato sul blu-bianco del lago e l'esatta corrispondenza nel cielo. Gli elementi acqua e cielo sono solo apparentemente separati dalla
costa che, anch'essa, con la sua massa scura ,si riflette nell'elemento acqua.
Che bellezza quella luce, quell'unico punto luce che fa emergere dal buio la "visione".
Pierre, in tal modo, rende manifesto, con semplicità ma con forza, quanto la luce sia determinante  all'umano per vedere e, al fotografo, per fare e rendere visibile il suo scatto. Senza luce l'uomo non può nulla perché vita mancherebbe alla terra e la fotografia non sarebbe perché non avrebbe ragion d'essere.
Ma il Pellegrini mette tutti gli elementi: l'acqua, l'aria, la terra e, al posto del fuoco, "la luce" che potrebbe considerarsi fuoco nel senso che "la luce" accende la possibilità di vedere.
Ma dicevamo del dialogo che comunque Pierre manifesta. Sì perché quelle due seggiole si parlano nell'osservare gli elementi, raccontando  dell'indispensabilità di quelli, gli elementi, per l'essere umano e la vita.
Non c'è bisogno d'altro e il fotografo non aggiunge altro, Pierre sussurra agli spettatori che l'"invisibile", attraverso
un'osservazione lenta, profonda, si manifesta.
Ah, dimenticavo l'intitolazione "La mia Venezia" : il Pellegrini ha immortalato  laghi ,svizzeri, che raccontano del suo luogo natio e dunque delle sue radici.


Caterina De Fusco

Commento

Devi essere membro di polaroiders per aggiungere commenti!

Partecipa a polaroiders

Commento da samu.iphone su 29 Agosto 2011 a 22:37
Molto bella complimenti
Commento da desirèe benigni su 24 Agosto 2011 a 14:42
bellissima foto........e..complimenti per il commento!!!
Commento da Pierre Pellegrini su 1 Agosto 2011 a 23:46
Sono davvero molto sorpreso di questo regalo! Mai nessuno ha scritto parole così profonde sul mio modo di fotografare...e per di più senza conoscermi come persona. È davvero incredibile e sorprendente. Addirittura leggendo il suo commento ho avuto modo di conoscere quella parte (forse nascosta o invisibile) di me stesso. Grazie di cuore Caterina De Fusco per il tuo meraviglioso commento :-)
Commento da Elisa Martorana su 1 Agosto 2011 a 22:48
fantastica
Commento da Muchj su 1 Agosto 2011 a 21:17
Magica!Come tutte le tue foto! Sono oniriche ma allo stesso tempo tangibili! Che dire, B R A V O !

CALL FOR ARTIST

Libri

CONVENZIONI

VIDEO TUTORIAL

Contatti:

Fondato nel 2010

e diretto da:

Alan Marcheselli

Carmen Palermo

  

Selezione foto settimana:

Lucia Semprebon

Selezione foto Instagram:

Margherita Zazzero

 

Referenti Italia:

MO-BO: Alan Marcheselli

VA: Carmen Palermo

CO: GIacono Inches

BG: Franco Mammana (Kite)

RM: Menico Snider (Sniki)

TN: Lucia Semprebon

CS: Carlo Stella

Webmaster:

Christian Ghisellini

 

Contatti:

polaroiders@gmail.com

info.polaroiders@gmail.com

© 2019   Creato da polaroiders.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio

free counters