polaroiders

il network degli artisti instant italiani

La foto del mese di Dicembre 2010



Tempi morti © Pablo (Paolo Mori)





Dai “Tempi morti” di Pablo ai tempi morti dell'interpretazione dell'opera di Pablo in prospettiva semiotica


Apparentemente l'opera “Tempi morti” di Pablo si presenta di facile comprensione e potrebbe sembrare banale volerla spiegare perché il titolo dice già tutto legando le immagini tra di loro e dando, in questo modo, pieno significato alla fotografia.

La bravura dell'artista sta proprio nella costruzione del processo di relazione tra le sei fotografie che, con coerenza, creano un oggetto di senso: infatti, se osservate singolarmente, le immagini perdono la specificità significante per essere semplicemente un enunciato; ciò non significa che lo scatto di per sé non abbia valore, o che, in qualità di parte, sia esteticamente inferiore alla totalità che rappresenta, ma significa prendere coscienza di un sistema poietico che genera il significato attraverso la ricerca e lo stimolo di un processo cognitivo.

Per capire la potenza e l'intenzione comunicativa dell'autore è utile abbracciare la prospettiva semiotica che permette un'analisi delle forme significanti, in particolare si rivelano utili le note sul dettaglio di Mukarovsky perché ogni fotografia rappresenta il corrispettivo di un dettaglio, ogni scatto contiene un segno che, concepito come unità, permette la costruzione del discorso; dice il semiologo della Scuola di Praga: “L'opera d'arte dipende da un processo dato da continue trasformazioni che avvengono per raggruppamento di dettagli in qualità di unità semantiche; nel raggruppare i dettagli si formano delle fessure di senso (o salti semantici) che il fruitore ha il compito di colmare” 1quindi la sedia, la scala, l'orologio, il bidone e le piante di per sé sono solo elementi, unità discorsive che entrando in dialogo tra loro costruiscono un intreccio di significati ed è grazie al processo di addizione e al convergere dei dettagli che Pablo riesce a disegnare lo sfondo semantico su cui l'osservatore legge l'evento sotto la chiave del titolo.

Le sei fotografie di per sé non narrano, trattengono solo apparizioni istantanee, ma la loro iterazione permette di catalogare l'opera “Tempi morti” sotto l'etichetta di Narrative Art ovvero di una espressione diegetica imperniata sull'asse joyciano in cui avviene l'epifanizzazione del reale e la rivelazione sta nel momento in cui “la cosa insignificante prende rilievo2” . Ecco, dunque, che si comprende come una scala che proietta una lunga ombra sotto il sole di mezzogiorno, una sedia vuota, un orologio che ha smesso di funzionare, un bidone dell'immondizia da svuotare trovano concordanza con le fronde di un albero a riposo e con le foglie rinsecchite di felci piegate dal vento: la cosa insignificante di cui parla Eco prende sostanza e facendo ciò crea il contesto pur conservando la propria autonomia.

Alla luce di quanto detto è molto interessante vedere il sottile gioco tautologico che si crea con il fruitore, come se il processo strutturale si ripetesse nella lettura di chi guarda la fotografia: i sei scatti di primo acchito non hanno una relazione tra loro (essa si costituisce solo successivamente con il legante del titolo), i sei oggetti a parte una cifra stilistica comune - per esempio il colore e il taglio obliquo -, sono completamente sdoganati l'uno dall'altro: tra loro vi è incongruenza spazio-temporale che essendo parte dei tempi morti, anzi costituendone l'essenza, obbliga lo spettatore a vivere di persona attraverso l'illusione della tangibilità il valore materiale dei tempi morti.

Alice Zannoni


Commento

Devi essere membro di polaroiders per aggiungere commenti!

Partecipa a polaroiders

Commento da Loredana Ambrosini su 4 Febbraio 2011 a 21:48
complimenti!!
Commento da Michela Scagnetti su 17 dicembre 2010 a 17:24
bellissima ; ) complimenti pablo!
Commento da Pamela Testa su 7 dicembre 2010 a 17:47
complimenti!!
Commento da Ale Di Gangi su 1 dicembre 2010 a 16:53
bravo Pablo, splendido lavoro!!
Commento da Pablo su 1 dicembre 2010 a 15:29
grazie mille caro kite, e grazie di cuore ad Alice e a tutta la community ;)
Commento da kite su 1 dicembre 2010 a 15:27
riconoscimento meritatissimo!!! complimenti Paolo

CALL FOR ARTIST

PARTNER

VIDEO TUTORIAL

Contatti:

Fondato nel 2010 da:

Alan Marcheselli

Carmen Palermo

Dal 01/02/2019 diretto da

Alessia Amati 

 

Selezione foto settimana:

Lucia Semprebon

Selezione foto Instagram:

Solimano Pezzella

 

Referenti Italia:

MO-BO: Alan Marcheselli

VA: Carmen Palermo

CO: GIacono Inches

BG: Franco Mammana (Kite)

RM: Menico Snider (Sniki)

TN: Lucia Semprebon

CS: Carlo Stella

Webmaster:

Christian Ghisellini

 

Contatti:

polaroiders@gmail.com

info.polaroiders@gmail.com

© 2019   Creato da polaroiders.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio

free counters